BRUCANEWS: Perde il lavoro e diventa gigolò, ma “non faccio sesso con le over 50”

20130305_gigolo
PADOVA – La cittadina turistica di Anguillara Veneta, Padova, è stata da poco tappezzata di annunci da un 28 enne che offre prestazioni da gigolò, con tanto di numero di telefono e la promessa di “amicizia e compagnia per cena e dopo cena”. L’idea è venuta ad Andrea (così dice di chiamarsi nel volantino), un operaio che dopo aver perso il lavoro si è lanciato nella nuova carriera di accompagnatore.
«Perché l’ho fatto? Semplice, sono anch’io una vittima di questo brutto momento che sta vivendo l’Italia – racconta al Gazzettino -. Lavoravo come operaio e sono stato licenziato. Per un po’ ho cercato un altro impiego, diciamo così, normale. Poi ho avuto questa idea». Dopo qualche diffidenza iniziale, il giovane diventa più espansivo: «L’ho fatto anche per un senso di trasgressione, sebbene non abbia mai avuto esperienze di sesso a pagamento. Ma ancora, a parte quelle dei giornali, non ho ricevuto chiamate. Stiamo a vedere che succede».
Andrea non ha ancora le idee chiare su come svolgerà il suo nuovo lavoro, ma parte da basi indiscutibili: «Il sesso sarei disposto a farlo con una donna non troppo anziana. Diciamo dai quaranta ai cinquant’anni. Oltre, assolutamente no. Sono ancora giovane, non mi pare davvero il caso. Al massimo, sarei disposto a offrire compagnia e ascolto. Sono molte le donne cui basta anche una serata a cena per sfogarsi».

Al momento non esiste neanche un tariffario. «Francamente, non ho neanche idea di come comportarmi al primo appuntamento. Magari ci siederemo a un tavolino per un caffè e poi si vedrà». Il ragazzo, che si dichiara single, non ha rivelato la sua decisione alla famiglia, ma solo a qualche amico fidato.

Questo articolo è stato pubblicato da Leggo

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati*