La bufala dei 3 giorni di buio e l’anello fotonico, la reale testimonianza della NASA.

La bislacca teoria del russo Alexei Dmitriev sostiene che la Terra e il Sistema Solare stiano transitando, nel corso della loro rotazione intorno al nucleo galattico, in un’area dello spazio estremamente energetica chiamata “Cintura Fotonica”. Nel suo libro 2012. La fine del mondo? il giornalista Roberto Giacobbo sostiene che questo transito sarebbe confermato dell’aumento negli ultimi decenni di particelle noto come “fotoni” nell’atmosfera. Peccato che i fotoni non siano altro che le particelle che conducono la luce, ed esistono da quando esiste l’universo. Vengono emesse dal Sole e se non ci fossero non vedremmo nulla e non avremmo nemmeno la corrente elettrica. Se il passaggio in aree turbolente della galassia producesse estinzioni di massa, noteremmo una periodicità di tali estinzioni: un fenomeno, questo, non confermato dagli scienziati.

La NASA non ha mai confermato nulla di tutto ciò, come invece molti articoli riportano il contrario, potete verificare andando nel sito ufficiale della NASA : www.nasa.gov.

Negli ultimi tempi, gira voce sul web che a cavallo di tale data, un enorme black-out di tre giorni lascerebbe la Terra al buio per tre giorni. E che questa notizia sarebbe stata confermata nientemeno che dalla NASA lo scorso 4 Dicembre. In realtà, l’Ente Nazionale per le attività Spaziali e Aeronautiche non ha mai confermato questa bufala mediatica, né avrebbe cambiato idea nel tempo. Nessuno scienziato dell’ente spaziale, o di altra agenzia scientifica, ha mai confermato la mancanza di corrente elettrica nell’imminenza di tale data. In quei giorni non vi sarà alcun black-out mondiale dovuto ad allineamenti planetari che in realtà non ci saranno, e la Terra non transiterà per alcun anello chiamato cintura fotonica. Alcune versioni di queste voci, citano un video di preparazione alle emergenze dell’amministratore della NASA, Charles Bolden. Il video, visibile pubblicamente su YouTube a questo link, è un semplice messaggio di incoraggiamento ad essere pronti ad eventuali emergenze, estrapolato da una vasta campagna di preparazione del governo statunitense. Non fa riferimento ad alcun black-out, a nessuna fine del mondo, e a nessuna data in particolare.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati*