Notizie Curiose: Egitto, grazie a Google Earth scoperte 17 piramidi egizie

Una addirittura tre volte più grande di quella di Cheope. Si nascondono sotto la sabbia.

Egitto scoperte 17 nuove piramidi
(WSI) – Prima Google Maps ora Google Earth, sono sempre di più i posti sulla Terra che vengono scovati grazie alle immagini scattate dai satelliti.
Questa volta infatti si è arrivati ad una scoperta che potrebbe avere del clamoroso e forse diventare una delle più grandi, a livello archeologico, degli ultimi anni. Il tutto grazie all’uso di Google Earth.
Angela Micol, archeologa, è convinta che nel pressi della città di Abu Sidhum, in Egitto, e poco più a nord di questa, nel Favum, vi siano due siti dove si nasconderebbero ben 17 piramidi egizie, praticamente sommerse dalla sabbia che le avrebbe fatte diventare come due colline.
Anche se convinta dalla sua tesi, i numerosi colleghi dell’archeologa sparsi per tutto il mondo sarebbero molto scettici a riguardo, anche perché una di queste piramidi dovrebbe essere addirittura tre volte più grande di quella Cheope a Giza.
A supportare la tesi di Micol invece vi sarebbero numerose mappe antiche, una addirittura di un ingegnere al seguito di Napoleone Bonaparte, che indicherebbero l’esistenza di questi monumenti, ed inoltre in passato delle ricognizioni sul terreno avrebbero rilevato del metallo presente nella zona.
L’uso di Google Earth non è nuovo per questo tipo di scoperte. Da tempo infatti viene più facile individuare oggetti, siti nascosti o strutture difficilmente riscontrabili, attraverso le foto satellitari.
Ora però saranno gli scavi a dare una risposta definitiva al mistero.
_______________________________________________________________________________________________________________
Questo articolo è stato pubblicato su WallStreetItalia | Copyright © 1999-2013 Wall Street Italia

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati*