BRUCANEWS: Madonna e Gates battuti, isola greca acquistata da oligarca russo

Non si conosce l’identita’ del miliardario che ha sborsato 117 milioni di euro. Dovra’ pagarne altri 100 milioni per avere la montagna vicina. L’isola e’ piena di foreste, ha tre ville da sogno e una piattaforma di atterraggio per elicotteri.

Skorpios

L’isola di Skorpios, che apparteneva al celebre magnate ellenico Aristotle Onassis, e’ stata venduta dal suo unico erede per 100 milioni di sterline (circa 117 milioni di euro) a un miliardario russo, la cui identita’ non e’ stata rivelata.
Farhad Vladi – la cui societa’ Vladi Private Islands controllava il territorio greco – ha riferito al Daily Mail di non aver avuto informazioni sull’operazione di cessione. Ma la figlia di Onassis ha confermato l’intenzione di vendere l’isola.
“Questi oligarchi russi hanno decine di miliardi in mano, quindi potrebbe essere anche capitato che uno di loro si sia presentato dicendo ‘vi do 100-200 milioni di euro se mi vendete l’isola’. Tutto e’ possibile”.
Ad avere espresso interesse nell’isola verde, circondata da acque cristalline, anche la cantante Madonna, lo stilista Giorgio Armani e il fondatore di Microsoft Bill Gates.
Chiunque abbia intenzione di comprare Skorpios, dovra’ anche acquistare il territorio montagnoso vicino, da cui viene l’acqua a disposizione nell’isola. Secondo le stime vale piu’ di 100 milioni di euro ed e’ anch’essa di proprieta’ della famiglia Onassis.
L’isola, acquistata da Onassis nel 1962 per appena 10 mila sterline, e’ piena di foreste, ha un molo, tre ville da sogno e una elisuperficie, ovvero una piattaforma di atterraggio per elicotteri.
E’ qui che si sono sposati Onassis e la vedova del president Usa John F. Kennedy. Morto il magnate greco, le sue due figlie hanno eridato la proprieta’, che poi e’ passata alla nipote Athina Onassis Roussel, 28enne nata in Francia e cresciuta in Svizzera. La ragazza non ha alcuna intenzione di passare il suo tempo nell’isola.

Questo articolo è stato pubblicato da WallStreetItalia

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati*