Russia, il Senato autorizza l’uso delle forze armate in Ucraina, Obama minaccia ripercussioni

Il Consiglio della Federazione (la camera alta del Parlamento russo) ha approvato la richiesta del presidente Vladimir Putin, che autorizza l’impiego delle forze armate della Russia sul territorio dell’Ucraina fino alla normalizzazione della situazione politica di questo Paese.

Ucraina Obama Putin

Ucraina, a Karkhov issata la bandiera russa

Nel centro della città ucraina di Kharkov, dove è in corso una manifestazione a difesa della città, i manifestanti filorussi hanno occupato la sede dell’amministrazione regionale in Piazza della Libertà.

Come riportato dai giornalisti che seguono l’evento, sull’edificio è stata issata la bandiera russa. Nel palazzo si sono udite diverse esplosioni così come colpi di mitragliatrici.

In precedenza l’edificio amministrativo era stato occupato da attivisti di Maidan.

Erano stati segnalati scontri tra attivisti di Maidan e filorussi a difesa dell’indipendenza della città.

Le autorità della Crimea chiedono a Putin di garantire la pace

Il primo ministro della Crimea Sergey Aksenov è intervenuto con un comunicato urgente, in cui faceva appello al presidente russo Vladimir Putin per garantire la pace e la stabilità nella repubblica autonoma.

Inoltre Aksenov ha annunciato di aver preso il comando temporaneamente di tutte le strutture di sicurezza della Crimea, motivando la sua decisione col fatto che nel territorio della regione si trovano gruppi armati non identificati ed equipaggiamenti militari.

Inoltre ieri il primo ministro aveva fatto notare come Kiev avesse violato l’accordo sulla nomina dei capi delle forze dell’ordine senza il consenso del Consiglio supremo della Crimea.

Obama minaccia ripercussioni in caso di evoluzione militare in Ucraina

Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha messo in guardia il governo ucraino che se i limiti del confronto fra le parti andrà oltre, tutto ciò avrà conseguenze per l’Ucraina.

Come riportato dai media occidentali il capo di stato americano mercoledì, mentre era in Messico, ha detto che la crisi deve essere superata con la garanzia che l’esercito non sarà coinvolto in una situazione che dove essere trattata in sede civile.
Allo stesso tempo, Obama ha detto che gli Stati Uniti condannano fermamente la violenza ma lui crede che il governo ucraino sia responsabile di una non corretta gestione dei manifestanti pacifici.
Ha poi aggiunto che gli Stati Uniti hanno inoltre sollevato la prospettiva con i partner europei di imporre sanzioni contro l’Ucraina.

Vice Presidente Yury Vorobiev: “le parole di Obama sono una minaccia diretta alla Russia”

Сon le sue affermazioni, secondo cui Mosca “pagherà cara la sua politica”, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama “ha superato la linea rossa e insultato il popolo russo”, ha dichiarato il vice presidente del Consiglio della Federazione (camera alta del Parlamento russo) Yury Vorobiev. Ha descritto le parole del presidente USA come una “minaccia diretta”.

Il contenuto di questo articolo è stato pubblicato su italian.ruvr.ru nei seguenti articoli  1 | 2 | 3 | 4 | 5

Tags: Ucraina

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.