Google punta a creare mondi virtuali condivisi da migliaia di utenti

Google Ventures ha investito in una startup Blue Vision Labs con l’obiettivo di creare mondi virtuali condivisi

Mondi virtuali condivisi

Google ha investito 14 milioni e mezzo di dollari nella startup Blue Vision Labs nata a Londra, che ha lavorato ad una realtà aumentata condivisa che punta a creare un mondo virtuale in cui chiunque può interagire. Una sorta di Second Life rivisitato e aggiornato con le attuali tecnologie.

Siamo ancora lontani dalla trama dell’anime Sword Art Online che tratta proprio questa tematica, ma la direzione sembra essere proprio quella. Per adesso nessuna applicazione di realtà aumentata interagisce con mondi virtuali in comune con altri utenti, ma tutto rimane confinato all’interno dello stesso smartphone o dispositivo.

Blue Vision Labs ha creato una infrastruttura sul Cloud in grado di gestire mondi virtuali in cui chiunque può accedervi. Per adesso si sta pensando a creare mappature 3D di alcune delle principali città, come Londra, San Francisco e New York. Entro l’anno arriveranno tantissime altre mappature 3D delle città.

Per poter accedere a questi mondi virtuali occorrerà uno smartphone, degli algoritmi di machine vision e attraverso la fotocamera sarà possibile posizionarsi nello spazio con accuratezza.

Il risultato di questa nuova infrastruttura creata da Blue Vision Labs sarà una realtà aumentata social in cui tutti potranno interagire in tempo reale con luoghi virtuali e tutte le altre persone.

Anche Facebook si sta muovendo in questa direzione, in una conferenza di ottobre 2017 Zuckenberg lancia la sua idea di mondo virtuale immersivo condiviso, attraverso la realtà aumentata in collaborazione con Oculus, azienda acquisita da Facebook circa quattro anni fa per tre miliardi di dollari.

Zuckerberg ha detto: “Una volta lì”, in quegli ambienti virtuali immersivi, “potrete fare ciò che volete, insieme”. “Alcuni sostengono che la realtà virtuale isoli e sia anti-sociale. Io invece la penso all’opposto”.

Il futuro dell’umanità sarà ridotto ad un annichilimento sociale, dove realtà e finzione non saranno più distinguibili?

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati*