SESSO LE 8 REGOLE D'ORO PER LE DONNE

1) DEVO ESSERE SEMPRE CURATA!
> Un intimo delizioso
Non è il caso di scegliere un abito selezionato che costi 10 milioni di euro, se la tua biancheria intima non è adeguata. Dimentica i vecchi slip grigi con l’elastico lento e i reggiseni color carne. Punta su un coordinato che sia semplice e allo stesso tempo femminile. Della stessa tinta o no, la scelta dipende dai tuoi gusti. L’importante è evitare gli eccessi!

> Ben depilata
L’ideale sarebbe regalarsi regolarmente una seduta di depilazione, per non assomigliare a uno yeti e poter mostrare gambe lisce come seta. Comunque non ci pensare troppo se ti rimane qualche pelo superfluo che proprio non se ne vuole andar via. Preso dall’eccitazione, tra le tue braccia, di sicuro il tuo lui non se ne accorgerà!

> Una corretta igiene intima
E’ un argomento di cui non si parla pochissimo, tuttavia non dobbiamo affatto tralasciarlo! Dopo una giornata in ufficio, nell’autobus, indossando un paio di jeans molto aderenti o un top molto stretto, è meglio sentirsi fresche prima di un appuntamento speciale per poi poter magari passare ai fatti. Se i ritmi quotidiani non ti permettono di rientrare a casa per fare la doccia, non preoccuparti! Puoi sempre rimediare con un tocco di deodorante, una salviettina umidificata per l’igiene intima, spazzolino e dentifricio da utilizzare velocemente nelle toilette di qualche ristorante.

2) RISPETTO IL CORPO DEL MIO PARTNER

> Piano con le critiche
Il nostro partner, così elegante e slanciato in giacca e cravatta, può però nascondere qualche piccolo difetto quando si spoglia. Potrebbe avere un sedere cadente, degli organi genitali non proprio perfetti, un mucchio di peli sul fondoschiena oppure una schiena piena di foruncoli.
Non dobbiamo mai fare alcuna osservazione su questi suoi difetti, anche se lo conosciamo da tanto tempo. Il nostro tesorino è permaloso proprio come noi e non è il caso di metterlo a disagio, facendogli notare le sue piccole imperfezioni che di sicuro conosce già!

> Il permesso di solito si domanda!
Non si fa qualcosa senza esserne sicuri al 100% perché alcuni gesti potrebbero scioccare e mettere a disagio. Sappi che non tutti gli uomini hanno gli stessi gusti.

> Passo dopo passo
Un uomo non conta solo per le sue doti! Non bisogna subito arrivare al sodo senza aver prima accarezzato le altri parti del suo corpo, che sono altrettanto sensibili. I preliminari sono davvero molto importanti e piacevoli per il tuo partner.

3) CONTROLLO CIO’ CHE DICO

> Resta in silenzio
Bisogna anche saper restare in silenzio per gustarsi quei momenti così speciali. Senza dimenticare che il nostro partner ha bisogno di un minimo di concentrazione per la sua prestazione. Quindi come vuoi che ci riesca se invece tu continui a chiacchierare? In questi momenti evita soprattutto gli argomenti tabù: “i tuoi ex, le domande sui sentimenti, quelle sulla tua famiglia, la tua voglia di fare un figlio e soprattutto i tuoi complessi … è insopportabile!”
Quindi non fargli notare neanche i tuoi fianchi, chiedendogli se ti trova ingrassata.

> Devi guidarlo
Non è facile trovare subito la giusta intesa sessuale con il proprio partner. Per questo motivo non devi apparire critica o intollerante. Prova invece a trasformarti in un sensuale GPS: “è meglio fare così, continua pure…”, “un po’ più veloce per favore “, “mi piaceva quello che stavi facendo prima…”. Se però non riesci proprio a parlare in queste occasioni, con qualche gemito di soddisfazione renderai pure l’idea.

> Controlla i tuoi gemiti
Traiamo insieme le conclusioni: non devi limitarti nell’esprimere il tuo piacere ma non sei neanche obbligata a gridare parolacce a squarciagola!

4) PARTECIPO

> Condividi il piacere
Hai per caso raggiunto l’orgasmo prima di lui? Complimenti! Ma non per questo devi escluderlo, voltandogli le spalle.

> Il gioco del dare e ricevere
Volente o nolente, il patto è spesso il seguente: una fellatio in cambio di un cunnilingus. E viceversa! E’ chiaro che se il tuo partner ti offre questo piacere, si aspetta generalmente che tu ricambi. Non ti preoccupare comunque! Non devi farlo per forza, fallo soltanto se proprio ne hai voglia. Dopotutto, non è che avete firmato un contratto!

> Prendi l’iniziativa
Non c’è nulla di peggiore per un uomo che una donna una volta a letto si trasformi in un pezzo di legno. Non restare con le mani in mano e prendi l’iniziativa: cambia posizione, accarezzalo, bacialo, mostragli chiaramente le tue voglie e le tue titubanze guidando le sue mani sul tuo corpo.

> Sii sincera
Se il tuo partner inizia a stuzzicarti ma proprio non ne hai voglia, bisogna dirglielo apertamente, con gentilezza e un pizzico di umorismo: “Credo che tu stia utilizzando l’entrata riservata ai VIP, mi spiace ma la porta è chiusa!”. In caso contrario devi dimostrargli che ne hai voglia invece di restare passiva mentre lui ti sta offrendo un momento speciale.

5) PASSO IL MIO ESAME ORALE

> Dillo in anticipo
Desideri farlo contento con un rapporto orale? Fallo utilizzando un preservativo per evitare eventuali malattie come l’HIV, soprattutto se non conosci bene il tuo partner.
Nel caso di un rapporto orale senza preservativo, è giusto informare il partner un po’ in anticipo per evitare possibili frustrazioni. Una frase del tipo: “non arrivare fino in fondo…” gli farà capire con chiarezza che preferisci che non eiaculi nella tua bocca. Questo eviterà una situazione imbarazzante per entrambi.

> Gestisci le secrezioni
Il tuo partner eiacula e ti ritrovi ricoperta dalle sue secrezioni, così preziose ma al contempo anche un po’ troppo appiccicose. Non ti mostrare comunque disgustata perché questo tuo comportamento potrebbe offenderlo. Serviti delle lenzuola o di un fazzolettino di carta per asciugarti.

> Tieni a bada i tuoi denti
Ebbene sì, gli uomini hanno una paura matta di provare dolore. Devi quindi proteggere i tuoi denti con le labbra, per potergli regalare un piacere dolce ed indimenticabile.

6) GESTICO ABILMENTE I PROBLEMI

> Il tuo partner ha avuto una défaillance
Eiaculazione precoce, problemi di erezione…? In effetti si tratta di una situazione abbastanza delicata! Ti si presentano quindi due modi per affrontare il problema.
1- Puoi aspettare che lui affronti per primo il discorso per poi in seguito rassicurarlo, consigliarlo con delicatezza e incoraggiarlo a riprovare più tardi.
2- Puoi non dir nulla e trattare la situazione come un incidente isolato, aspettando in questo modo la volta seguente per esaminare l’importanza del problema e quindi infine affrontare il discorso.

> Cosa è stato?
Due corpi che s’incontrano e si legano possono creare dei suoni strani e forse talvolta imbarazzanti. E’ sbagliato farli notare, tutt’al più puoi fare un semplice sorriso discreto e complice. Il nostro partner si trova nella nostra stessa situazione, è un po’ imbarazzato anche se non c’è alcun motivo per esserlo, questi rumori sono naturali e inevitabili!

> Incidente di percorso
Il preservativo si è rotto o non l’avete usato? Sono cose che capitano! Invece di prendertela con il tuo partner, corri subito dal medico per farti prescrivere la pillola del giorno dopo! Inoltre sarebbe meglio fare un primo test dell’HIV, entro 15-30 giorni successivi al rapporto. Se il risultato è negativo, dovrai avere un’ulteriore conferma con un secondo test, 3 mesi dopo l’ultimo rapporto a rischio. Cercate di affronatre il discorso con calma: siete entrambi responsabili della situazione!

7) SO COME COMPORTARMI DOPO…

> Silenzio, prego!
E’ risaputo: gli uomini e le donne non sono uguali e non funzionano nello stesso modo. Quindi evitiamo di parlare di quello che abbiamo appena fatto, analizzando ogni minimo gesto e ponendo domande al nostro partner sui suoi eventuali sentimenti. A un uomo piace raramente parlare dopo aver fatto sesso. E’ così e basta! Rispetta dunque il suo silenzio e aspetta un po’ prima di inodarlo di parole…!

> Non è sporco!
Non ti precipitare in bagno poco dopo la sua eiaculazione. Il tuo partner potrebbe avere l’impressione che stai cercando di disinfettarti, di cancellare qualsiasi traccia del suo passaggio e che senti il bisogno di pulirti. Cosa può esserci di più irritante?

> Il riposo del guerriero
Dopo il rapporto devi lasciar riposare il tuo uomo, evita quindi di accarezzare le sue parti delicate! E’ nel periodo regrattario ed ha bisogno di tranquillità! Non piagnucolare se il tuo partner si addormenta e non ti prende fra le sue braccia, la sua è una reazione naturale che non ha nulla a che vedere con le tua capacità di seduzione!

8) SO QUANDO PARLARE DI PRECAUZIONI

> Aspetta il momento giusto
Né troppo presto né troppo tardi! Questa è la formula magica. E’ chiaro che non devi parlare di usare il preservativo subito dopo cena (troppo presto, non sai ancora cosa succederà!) e non chiedere neanche tutt’a un tratto “lo hai un preservativo?” quando sei già arrivata alla posizione del missionario. Invece quando i baci diventano più intensi e tu e il tuo compagno vi dirigete tentennanti verso la camera da letto, puoi allora sfoderare una frase del tipo: “ho tanta voglia di te (per rassicurarlo e fargli mantenere così l’erezione) ma dobbiamo stare attenti e usare delle precauzioni (tanto per annunciare in modo romantico l’uso del preservativo)”.

> Proponiamolo in un modo romantico
Puoi anche proporgli di aiutarlo a metterlo, tanto per giocare un po’.

> Organizzati
Cerca di avere sempre a portata di mano dei preservativi e dimostrati discreta e abile quando devi servirtene. Mettili sul comodino oppure in borsa. Il tuo partner ti sarà grato per averci pensato tu, senza aver fatto tante storie.

Commenti

  1. Giulia
    Giulia 15 settembre, 2012, 09:05

    Chi ha scritto stava pensando ad una guida sessuale per le donne? Vogliamo scrivere anche una per gli uomini? È chiaro che dobbiamo essere puliti e responsabili, com’è anche chiaro che siamo diversi… Voi volete il riposo del guerriero? E noi vogliamo le coccole! Guerrieri, vi sveliamo un segreto: anche il sesso è fatto di compromessi!!
    Ognuno deve vivere i propri rapporti come sente, non secondo una guida… Se volete le vostre donne più sciolte, la prima cosa da evitare è proprio scrivere manuali d’uso…!!

    Reply this comment

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati*