Tampone imbevuto di vodka nella vagina o nell’ano: il nuovo sballo dei ragazzi all’estero

Ubriacarsi facilmente senza puzzare d’alcol. Ma come? Con la tampone-mania partita dall’America e che sta dilagando in tutto il mondo. Vediamo insieme di cosa si tratta.


absolut vodka

Di manie, nel mondo, ce ne sono davvero tante, ma questa che vi stiamo per raccontare ha davvero dell’incredibile. L’ultima moda per sbronzarsi consiste nel fatto di bere vodka infilandosi un tampone imbevuto di alcol direttamente nell’ano o nella vagina. Questa ‘pratica’ aiuterebbe i ragazzi a non farsi beccare ubriachi. Stephen Colpbert stila un rapporto su questa nuova moda giovanile che sta dilagando in America. Gossip o pseudo sensazionalismo? Sta di fatto che anche una semplice ‘bravata’ simile può essere considerato un atteggiamento ‘very cool’ da mettere in pratica quando si sta con gli amici.

Ma ci si può sballare davvero facendo penetrare in un orifizio del nostro corpo un tamponcino bevuto di vodka? La risposta non importa molto: quello che emerge è che questa tendenza piace davvero tanto ai ragazzi e alle ragazze. Il tamponcino, dunque, stando ad alcuni ragazzi che hanno provato a mettere in pratica tutto questo, una volta inserito in corpo farebbe ubriacare facilmente senza però far puzzare eccessivamente di alcol. Questa insolita storia è balzata all’attenzione del network televisovo The Colbert Report, in cui si è messo in evidenza il lato negativo di questa moda: il tamponcino imbevuto, infatti, danneggerebbe solamente le mucose e non provocherebbe l’effetto ebbrezza tanto auspicato.

La tampone-mania è dilagata un po’ in tutto il paese e tra i ragazzi di diversa estrazione sociale. Tale moda, secondo il rapporto, ha preso piede soprattutto tra gli adolescenti. Stephen Colbert, però, tra una battuta e l’altra, raccomanda ai ragazzini di non intraprendere queste mode, perché potrebbero provocare danni e che o dagli orifizi o dalla bocca l’alcol sarà sempre constatabile, perché l’odore delle bevande alcoliche si impregna immediatamente sul corpo e sugli indumenti del soggetto.

Questo articolo è stato pubblicato su  attualissimo.it

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati*