BRUCANEWS : Megaupload e Megavideo Chiudono per Violazione di Copyright !!! [ VIDEO MEGAUPLOAD ]

Megaupload è chiuso e tutt’ora il sito risulta irraggiungibile. Uno dei più grandi siti di filesharing, forse il più famoso, è stato costretto a chiudere i battenti. Il sito è stato oscurato e i suoi gestori sono attualmente perseguiti dalla legge Americana per violazione di diritto d’autore. Attualmente rischiano 50 anni di carcere con 4 capi d’accusa a loro attribuiti.

Il sito si è subito distinto dai tanti per essere uno dei primi a fornire filesharing veloce, senza troppe limitazioni e con un limite di upload molto vasto. Questo, insieme all’alta velocità dei server e al fatto di essere diventato un sito di alto profilo anche per le celebrità che contribuivano a Megaupload, lo hanno fatto schizzare in vetta ai siti di questo genere. Al momento della sua chiusura, Megaupload godeva dell’appoggio di Kim Kardashian, Alicia Keys e Kanye West.

Kim Dotcom Arrestato dall’FBI

L’accusa è stata lanciata il il 5 gennaio 2012 dalla Virginia e attualmente i capi d’accusa comprendono racket, violazione del copyright e riciclaggio di denaro.Dopo l’emissione della sentenza dei procuratori federali della Virginia, Megaupload è stato chiuso e il suo fondatore, Kim Dotcom ( conosciuto anche come  “Kim Schmitz” o “Kim Tim Jim Vestor”), 37 anni, è stato arrestato dall’FBI, con le accuse di pirateria e violazione di copyright. Il danno causato, secondo i giudici, ammonta a ben 500 milioni di dollari all’industria  del cinema,dei videogiochi e della musica. Il sito è uno dei punti saldi del filesharing internazionale, ma non necessariamente di materiale protetto da copyright.

Chiude Megaupload e Megavideo

L’FBI era già da mesi sulle loro tracce e ne monitorava l’attività. Megaupload era il 16° sito più visitato al mondo con numeri da capogiro: oltre 150 milioni di utenti registrati e 50 milioni di visite giornaliere ai propri servizi di file sharing. Tutto questo movimentava il 5% del traffico mondiale di Internet. Megaupload è incriminato, oltre delle sopraelencate cause, di promuovere l’attività illecita del sharing sul proprio sito tramite comportamenti non proprio “trasparenti”: non è infatti presente un motore di ricerca ( per non far trovare i file protetti da copyright ); nelle classifiche dei titoli più scaricati c’è solo materiale gratuito e inoltre il suo programma di affiliazione ha fatto nascere centinaia di siti-clone che distribuivano e promuovevano lo sharing illegale in cambio di una ricompensa per gli utenti che finivano sul sito.

Sempre secondo l’FBI, Kim DotCom, residente a Hong Kong e Nuova Zelanda contemporaneamente, e cittadino in entrambi gli stati, avrebbe guadagnato oltre 43$ milioni di dollari da questa “conspirazione” nel 2012.

Sono stati immediatamente bloccati 18 indirizzi relativi a megaupload e sequestrati i server che ospitavano il sito in  Olanda e Canada, Ashburn, Washington D.C. Allo stesso modo la legge ha bloccato anche Megavideo, il sito correlato a Megaupload per i film in streaming, rendendo irraggiungibili tutti i link presenti sulla rete.  Non sappiamo cosa succederà a chi avesse un account premium su tale servizio o per quanto riguarda i file hostati su megaupload, ma al momento non sono raggiungibili in nessun modo.

Le società incriminate sono in realtà 2, infatti il sito è intestato a ”Megaupload Limited” e “Vestor Unlimited”. Questa seconda società è sempre di Kim Dotcom: un’azienda fantasma che utilizzava per controllare tutti i siti e partner affiliati a Megaupload. La polizia ha già provveduto all’arresto di 4 dei sette membri di Megaupload: Kim Dotcom, Finn Batato, Mathias Ortmann e Bram van der Kolk, mentre gli altri tre, Andrus Nomm  Julius Bencko, Sven Echternach, sono ancora ricercati dalle autorità.

Sarà un caso che tutto questo è avvenuto a pochi giorni  dalla decisione Americana relativa alle leggi del SOPA e PIPA?

E che cosa succederà se approveranno le leggi ??? E’ solo ‘inizio ???

 

FONTE

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati*