BRUCANEWS : Assorbenti per uomo, ecco la pubblicità Tena Men

Nel caso non si sapesse che anche l’uomo può soffrire di incontinenza urinaria, la pubblicità Tena Men colma l’ignoranza con la fotografia di una “protezione assorbente” appositamente progettata per l’anatomia maschile.

tena men assorbenti per uomini-3

Dalle pagine delle riviste, fa capolino il primo piano di un boxer riempito dall’elemento che ne valorizza la funzionalità e la postura intrepida di un pudico bronzo di Riace -ben attento a non metterci la faccia- mette in risalto la cintola di un villoso baricentro, che fa da sfondo allo slogan “Solo tu sai che lo indossi”.

Non è certo la prima volta che una campagna divulgativa affida al corpo maschile il compito di sponsorizzare un prodotto e neppure l’immagine di una mutanda a tutto campo sorprende scandalizzato il consumatore, assuefatto com’è al merchandising stereotipato del nudo che attrae l’attenzione verso un prodotto che, alla fine, finisce relegato in un secondo piano.
A lasciare perplessi, tuttavia, è la modalità con cui si promuove il rimedio ad un disturbo fisiologico, ovvero immortalando la “fonte” dell’imbarazzante fastidio in tutta la sua potenziale mascolinità. Il rassicurante motto, infatti (“Solo tu sai che lo indossi”) sembra pensato apposta perché l’osservatore, di primo acchito, creda di trovarsi di fronte ad un ingegnoso rimedio che impingui la penuria di “avare misure”, per concedere l’effetto ottico di una maliziosa “quarta dimensione”.

Solo quando lo sguardo cade più in fondo all’immagine ci si accorge che il ganzo attributo adamitico, lungi dall’essere vessillo di un’impetuosa mascolinità, è il disgraziato espediente di ingegnose menti furbastre, che rimandano alla scomoda disfunzione col nobile intento di incoraggiare il soggetto e motivarlo a continuare a far tesoro del valore inestimabile dei “gioielli di famiglia”.

Per quanto foriera di un certo impatto visivo, la geniale reclame segna un duplice risultato nel sistema comunicativo: se da un lato permette a coloro che soffrono del disturbo di rivolgersi al farmacista forse meno imbarazzati nell’ammettersi fruitori del prodotto, dall’altro sdogana la credenza che  “fastidiosi pruriti intimi” e varie problematiche fisiologiche siano un’esclusiva prerogativa femminile, perché anche il cosiddetto sesso forte ha le sue segrete debolezze che cerca di arginare mediante invisibili rimedi, adesso senz’altro meno clandestini.“

___________________________________________________

Questo articolo è stato pubblicato su : today.it

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati*