Masturbarsi in pubblico non è più reato, ci sarà solo una multa

Masturbarsi in pubblico? Non è più un reato, solo una sanzione amministrativa

La masturbazione in pubblico è stata depenalizzata dal d.lgs n.8 del 201, la Cassazione ha preso atto della condanna inflitta dalla Corte di Appello di Catania ad un uomo di 69 anni che si era masturbato in pubblico di fronte ad alcune studentesse annullandola senza rinvio “perché il fatto non è previsto dalla legge come reato”.

La condanna annullata inflitta dai giudici prevedeva inizialmente tre mesi di reclusione, successivamente convertiti in una multa di 3420 euro. La sanzione attuale prevista può essere dai 5 mila a 30 mila euro.

Masturbarsi in pubblico non è più reato
Masturbarsi in pubblico non è più reato: lo ha stabilito la Corte di Cassazione

La depenalizzazione della masturbazione in pubblico prevede solo una sanzione amministrativa, quindi una multa e nessuna conseguenza penale. Per quell’uomo che si è masturbato in pubblico davanti a delle studentesse gli è stata inflitta solo una maxi multa senza nessun tipo di reato penale.

Credo che se mai avesse un senso depenalizzare il reato della masturbazione in pubblico, prima bisognerebbe affrontare altre tematiche più urgenti e importanti come la legalizzazione e la regolamentazione della prostituzione e la liberalizzazione e la regolamentazione della cannabis.

Siete d’accordo con questa scelta? Perché depenalizzare un fatto del genere? Masturbarsi in pubblico secondo voi deve essere una condanna penale o solo amministrativa?

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati*

*